Cresime

Il catechismo di preparazione alla Cresima ha inizio subito dopo la prima comunione e ha la durata di tre anni.  In questo modo si ritiene di poter assicurare la continuità pastorale con il catechismo della prima comunione, anche nell’intento di far crescere, all’interno della parrocchia, sia i ragazzi che le loro famiglie in un percorso di progressiva appartenenza, dando loro l’occasione di frequentare con assiduità e continuità la parrocchia e tutte le iniziative che vi si svolgono.

Gli orari e iscrizione

Nell’anno 2017-2018 il catechismo delle cresime si svolge nei giorni di martedì e venerdì dalle ore 17,00 alle ore 18,00, a partire dal 3 ottobre, secondo in seguente calendario:

I anno II anno III anno
Giorno Martedì Venerdì Martedì
Orario 17:00-18:30 17:00-18:30 17:00-18:30

Per per effettuare l’iscrizione occorre rivolgersi all’ufficio parrocchiale.

La domenica è un’occasione per tutta la famiglia

È di fondamentale importanza che i ragazzi, possibilmente accompagnati dai genitori, frequentino la Celebrazione Eucaristica la domenica mattina alle 10:00. Non per dovere, ma per suggellare il rapporto con Cristo, sviluppare il legame con il gruppo e rafforzare il senso di comunità in Parrocchia.

I temi e i ritiri

Durante i tre anni di preparazione alla cresima si svolgono dei ritiri, solitamente uno per ogni anno. Sono incontri preparati con molta cura dall’equipe e coinvolgono i ragazzi insieme ai genitori, ai catechisti e a un sacerdote.

Per ogni anno è previsto un Argomento che fa da perno per le catechesi:

  • Primo anno: Davide
  • Secondo anno: I Dieci Comandamenti
  • Terzo anno: I Doni dello Spirito Santo

I catechisti

Sono coinvolti in questo servizio circa 30 catechisti, che prestano la loro opera sotto la guida del parroco Don Fabio e del sacerdote responsabile delle Cresime, Don Enzo, che promuove specifici incontri con cadenza quindicinale rivolti ai genitori ed ai ragazzi e soprattutto mette in continua formazione i catechisti con incontri a cadenza programmata.

Tutti i catechisti ricevono una  formazione continua all’interno dei percorsi di fede che la parrocchia propone, condizione necessaria per rispondere non solo alle esigenze delle famiglie, ma anche per adeguarsi al mondo che cambia continuamente.

Riflessione

“L’immagine evangelica della vite e dei tralci ci rivela la chiamata a crescere, a maturare in continuità, a portare sempre più frutto. L’uomo è interpellato nella sua libertà dalla chiamata di Dio a crescere, a maturare, a portare frutto. Non può non rispondere, non può non assumersi la sua personale responsabilità. E’ a questa responsabilità, tremenda ed esaltante, che alludono le gravi parole di Gesù: Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e si secca, e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano. (Gv 6) E’ l’ascolto da parte dei fedeli laici dell’appello di Cristo a lavorare nella sua vigna, a prendere parte viva, consapevole e responsabile alla missione della Chiesa in quest’ora magnifica e drammatica della storia. Se il disimpegno è sempre stato inaccettabile, il tempo presente lo rende ancora più consapevole. Non è lecito a nessuno rimanere in ozio.” (Christifideles Laici)

Articoli